PORTACICLI

L'utilizzo di questo funzionalissimo accessorio era fino al 1998, regolamentato da una normativa che richiedeva la trascrizione della sua presenza sulla carta di circolazione del veicolo.

Finalmente in data 27 Novembre 1998 il Ministero dei Trasporti ha diramato una disposizione che spazza via tutte le ambiguità e  dubbi di interpretazione precedenti. In sintesi, i portacicli amovibili installati posteriormente ai veicoli non richiedono alcuna trascrizione sulla carta di circolazione del veicolo, mentre sono confermati i doveri del conducente, che ha la responsabilità di garantire la visibilità della targa e dei dispositivi di illuminazione posteriori, il corretto montaggio dell'accessorio e il posizionamento del carico.

Notare che decade anche il limite del 65% del passo come massimo sbalzo consentito.